Books

Haiti non muore. Il terremoto, Skype e le adozioni internazionali

Haiti non muore Il terremoto Skype e le adozioni internazionali I primi pensieri sono per i bambini Non sappiamo se sono vivi n se il centro che abbiamo costruito per loro crollato Impossibile stare con le mani in mano senza una risposta Alla notizia del terremot

  • Title: Haiti non muore. Il terremoto, Skype e le adozioni internazionali
  • Author: Alessandro Corallo
  • ISBN: 8830719374
  • Page: 434
  • Format:
  • I primi pensieri sono per i bambini Non sappiamo se sono vivi n se il centro che abbiamo costruito per loro crollato Impossibile stare con le mani in mano, senza una risposta Alla notizia del terremoto di Haiti del 12 gennaio 2010, un redattore di Striscia la notizia si mobilita immediatamente La tragedia lo tocca da vicino, a motivo della sua decennale frequentazione di quel paese pieno di incanti e di miserie solo grazie a Skype che nei primi giorni riesce a comunicare con gli amici haitiani Due mesi dopo sar sui luoghi per partecipare al completamento di un nuovo progetto cento bambini abbandonati nella capitale distrutta vengono accolti nel centro di accoglienza realizzato dall.Anpil nella citt di Port de Paix Nella sua appassionata cronaca del dopo terremoto, l.Autore ci apre gli occhi anche sulla problematica delle adozioni E testimonia la costante ed efficace dedizione di volontari e missionari.

    • Free Read Haiti non muore. Il terremoto, Skype e le adozioni internazionali - by Alessandro Corallo
      434 Alessandro Corallo
    Haiti non muore. Il terremoto, Skype e le adozioni internazionali

    About "Alessandro Corallo"

    1. Alessandro Corallo

      Alessandro Corallo Is a well-known author, some of his books are a fascination for readers like in the Haiti non muore. Il terremoto, Skype e le adozioni internazionali book, this is one of the most wanted Alessandro Corallo author readers around the world.

    924 Comments

    1. Il terribile terremoto del 2010 raccontato da chi l ha vissuto, la devastazione di una calamit naturale in un paese gi devastato dalla povert un progetto di aiuto ai bambini rimasti orfani la speranza di rinascita di un paese incredibile.Tutto vero, niente finzione nei Caraibi, ma l non si va in vacanza.


    Leave a Comment